ALLENARSI AIUTA DAVVERO A DORMIRE MEGLIO?

Il 16 Marzo è la GIORNATA MONDIALE DEL SONNO e per celebrarla abbiamo deciso di scrivere un piccolo articolo relativo all’importanza del sonno per l’allenamento e viceversa.

Allenamento e qualità del sonno sono strettamente collegati
e se riusciamo ad avere il meglio da entrambi possiamo aumentare notevolmente la qualità della nostra vita e quindi la nostra salute mentale e fisica.

C’è una differenza sostanziale nella qualità del sonno tra i giorni in cui facciamo esercizio fisico e i giorni di riposo. L’esercizio fisico aumenta l’efficacia, la qualità e la durata del sonno, riduce lo stress e l’ansia, aiuta a combattere l’insonnia. L’attività fisica aumenta la durata del sonno profondo, che è la fase più importante e ristorativa in cui il nostro corpo recupera le funzioni di base.

Numerosi studi hanno dimostrato che un ritmo di allenamento costante durante la settimana (bastano 30’ al giorno per 5 giorni) è il miglior modo di mantenere un altrettanto costante e positivo ritmo del sonno.

Quando il corpo è coinvolto in un’attività fisica vengono prodotti ormoni che aiutano a ridurre lo stress e l’ansia e facendo attività come lo yoga aumenta il livello di cortisolo e si riduce la pressione sanguigna, due fattori che contribuiscono a migliorare la qualità del sonno.

Comunemente si pensa che l’allenamento serale possa influire negativamente sul riposo notturno. Questo può essere vero, ma dipende da persona a persona. La cosa migliore da fare è controllare il proprio riposo e modulare l’allenamento in funzione delle proprie abitudini. Ovviamente è sconsigliato allenarsi in orari troppo prossimi a quelli in cui andate a letto. Considerate che la temperatura corporea aumenta durante l’allenamento e necessità di un po’ di tempo per ritornare a livelli base, mentre quando il corpo si prepara al sonno la sua temperatura scende. Quindi è bene evitare esercizi di intensità elevata da almeno tre ore prima di andare a dormire.

La cosa migliore da fare è bilanciare l’allenamento in modo che non sia sempre alla massima intensità. L’allenamento variato è la migliore scelta, così che il corpo abbia stimoli diversi e di diversa intensità in modo da avere la possibilità di recuperare.

Ci sono altri trucchi da poter usare per migliorare il sonno, di seguito ve ne sveliamo 12:

  • Creare una zona notte buia, calma e con la giusta temperatura ambientale.
  • Spegnere qualsiasi oggetto elettronico almeno 30’ prima di dormire.
  • Non caricare il telefono vicino al letto (sarebbe meglio togliere gli strumenti elettronici dalla camera).
  • Non bere caffè dalle 14:00 in poi.
  • Usa il letto solo per dormire (non per lavorare o studiare).
  • Non tenere animali sul letto (questo potrebbe essere discutibile, ma diamola per buona).
  • Fai un bagno caldo per calmare la tua mente e il tuo corpo.
  • Indossa abbigliamento apposito per dormire (In modo da preparare il tuo corpo al riposo).
  • Fai qualche esercizio di stretching leggero, respirazione, yoga rilassante, meditazione.
  • Leggi un libro che non sia relativo al lavoro.
  • Bevi tisane alla lavanda o camomilla per aiutare il sonno naturalmente.
  • Fai una lista delle cose che ti rendono felice e di cui sei grato così da addormentarti con pensieri positivi.


Se l'articolo ti è piaciuto condividilo sui social con i tuoi amici in modo che possa essere utile anche per loro ;-)

Torna all'elenco news